HOME‎ > ‎

CARICHI PRODUTTIVI

pubblicato 6 giu 2016, 21:51 da Collettivo FIM   [ aggiornato in data 6 giu 2016, 21:51 ]

CARICHI PRODUTTIVI Q3 2016


Verso la piena saturazione con il BCD, 
MEMS ANCORA IN SOFFERENZA


Si è svolto il 26 maggio l'incontro tra la delegazione della RSU e la DA per l'analisi dei carichi produttivi del Q3 2016 dei fab. del sito di Agrate: AG8, AGM, R2 ed EWS. 

AG8: il plant ha quasi raggiunto la capacità massima installata (7400 wf x week) e le previsioni anche per fine anno sono di mantenimeto della saturazione degli impianti. 

AGM: è in leggera risalita la saturazione della linea anche per il maggior apprezzamento da parte del mercato della nuova generazione di microfoni, mentre non ci sono ancora – e manca anche la previsione per fine anno – di carichi significativi dei nuovi prodotti; prosegue la qualifica per i prodotti p-mos che andranno a compensare i livelli di saturazione.
Gli investimenti complessivi per AG8/AGM previsti per il 2016 sono stati confermati e il trend di spesa è in linea con i programmi. 

EWS: le attivita’ di testing sono sature al 95% e le previsioni sono di mantenere il carico anche per fine anno. 

R2: il plant è saturo e proseguono le attività di sviluppo su BCD8 e BCD9; entro fine estate dovrebbero essere prodotte le prime fette di sviluppo di BCD10 e BCD con memorie PCM embedded; entro Giugno terminerà il trasferimento a Vimercate delle attrezzature di Micron e del relativo personale.
 
La DA ha dichiarato che proseguono le pratiche burocratiche – in Europa e in Italia - per accedere ai finanziamenti previsti per la realizzazione della linea a 12” ad Agrate (necessaria allo sviluppo delle future generazioni di BCD e BCD embedded) anche partecipando  ai bandi europei di sviluppo per la microelettronica. L'elemento di novità riguarda la disponibilità della regione Lombardia a farsi carico di una parte dello stanziamento previsto. 

Personale a tempo determinato: sono state assunte 5 persone ad Aprile con scadenza del contratto al 31-10-16; le 18 persone con contratto in scadenza nel mese di Giugno verranno prorogate al 31-12; il totale delle assunzioni a tempo determinato è di 51. Se le condizioni rimarranno stabili nel Q4, la DA ha dichiarato che – tranne per gli assunti ad Aprile – per i restanti si procedera’ alla stabilizzazione del rapporto di lavoro. 


Alla luce dello scenario prospettato per la seconda metà del 2016 la RSU ritiene che: 

Sia fondamentale la collaborazione tra DA e istituzioni per riuscire ad aggiudicarsi i bandi di gara europei per la realizzazione della linea pilota a 12”, indispensabile a garantire il futuro del sito di Agrate; la RSU attiverà tutti i canali a sua disposizione affinchè le istituzioni e la politica dedichino a questo delicato passaggio la massima attenzione, mantenendo contemporaneamente un confronto serrato con la DA.
Si mantenga purtroppo la sofferenza dei Mems; le prospettive di mercato dei nuovi prodotti non sono ancora chiare e non tranquillizza il fatto di portare altre produzioni meno pregiate per garantire una saturazione accettabile della linea. 
I livelli di investimenti previsti, anche se confermati, non garantiscono un adeguato aggiornamento delle attrezzature di produzione e di ReD.
A fronte dell’aumento della saturazione degli impianti ormai vicini alla massima capacità istallata i livelli occupazionali non risultano essere del tutto sufficienti, anche per il tour over del personale; per questo chiediamo di accelerare la stabilizzazione dei contratti a tempo determinato.



Agrate B.za 30-05-12, l’Esecutivo della RSU di ST